A REMS Scan-Based Report on Relation Between Body Mass Index and Osteoporosis in Urban Population of Medan at Royal Prima Hospital

Adrian Khu,1 Michael Sumardi 2

MKB 2020; 52(1):22–7

Highlight:

La densità minerale ossea (bone mineral density, BMD) ha molti fattori di predisposizione, tra i quali l’indice di massa corporea (Body mass Index, BMI), che è considerato un fattore di rischio clinico per l’osteoporosi. Questo studio valuta la relazione tra l’indice di massa corporea (BMI) e l’osteoporosi valutata mediante REMS.

Trecento individui di nazionalità indonesiana, sia maschi che femmine, di età pari o superiore a 21 anni, sono stati sottoposti a scansione REMS sia alla colonna lombare che al collo del femore. I pazienti sono stati divisi nelle classi diagnostiche “normale”, “osteopenia” e “osteoporosi” in base ai parametri della densitometria REMS e classificati in sottopeso (<18,5 kg/m2), peso normale (18,5–22,9 kg/m2), sovrappeso (23–24,9 kg/m2), pre-obeso (25–29,9 kg/m2), obeso di tipo 1 (30–40 kg/m2) e obeso di tipo 2 (40,1–50 kg/m2) in base al BMI.

È stato osservato una elevata concordanza nella diagnosi di osteoporosi eseguita per i due siti anatomici. La maggior parte dei soggetti che soffrivano di osteoporosi rilevata alla colonna vertebrale erano pre-obesi (26%) con pochi soggetti sottopeso (5,3%), così come la maggior parte dei soggetti che soffrivano di osteoporosi rilevata al femore erano sovrappeso (21%) con pochi soggetti sottopeso (6,7%). È stata osservata una correlazione significativa tra il BMI e la BMD: la diminuzione della BMI determina un potenziale aumento dell’osteoporosi, per entrambi i siti anatomici analizzati.

Questo studio ha dimostrato che REMS può essere applicato in modo affidabile in tutti i pazienti con un’ampia variabilità di dimensioni corporee e BMI, da sottopeso a severamente obesi, confermando la relazione clinicamente nota tra il BMI e insorgenza dell’osteoporosi.

 

1 Department of Orthopaedic and Traumatology, Prima Indonesia University, Medan, Indonesia,

2 General Practitioner, Prima Indonesia University, Medan, Indonesia

ESCEO Consensus Paper

ESCEO Consensus Paper

Radiofrequency echographic multi‑spectrometry for the in‑vivo assessment of bone strength: state of the art—outcomes of an expert consensus meeting organized by the European Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis, Osteoarthritis and Musculoskeletal...

leggi tutto
Predizione delle fratture da fragilità

Predizione delle fratture da fragilità

Radiofrequency echographic multi spectrometry for the prediction of incident fragility fractures: A 5-year follow-up study Giovanni Adami1, Giovanni Arioli2, Gerolamo Bianchi3, Maria Luisa Brandi4, Carla Caffarelli5, Luisella Cianferotti4, Davide Gatti1, Giuseppe...

leggi tutto
Studio Multicentrico R.E.M.S.

Studio Multicentrico R.E.M.S.

Radiofrequency echographic multispectrometry compared with dual X-ray absorptiometry for osteoporosis diagnosis on lumbar spine and femoral neck Marco Di Paola1,2, Davide Gatti3, Ombretta Viapiana3, Luisella Cianferotti4, Loredana Cavalli4, Carla Caffarelli5,...

leggi tutto
Share This